Cardelli & Fontana

Cardelli e Fontana


orario galleria dal 9 al 24 agosto: tutti i giorni 17.00 - 20.00   21.30 - 24.00
per ricevere le nostre comunicazioni segnalateci il vostro indirizzo mail a galleria@cardelliefontana.com

Segui Cardelli e Fontana su Twitter  Segui Cardelli e Fontana su Facebook  Segui Cardelli e Fontana su Instagrama  Segui Cardelli e Fontana su Pinterest



Notizie



Il MOVIMENTO ARTE CONCRETA a Torino e in Liguria. 1949-1956
1 agosto - 13 settembre 2014

I vincoli all’espressione artistica e le conseguenti difficoltà portarono negli anni ’50 molti artisti italiani a solidarizzare ed a raggrupparsi, per difendere e sostenere le proprie aspirazioni. Il gruppo di artisti milanesi del Movimento Arte Concreta, MAC, costituì un primo riferimento di raccordo e di autopromozione.
La Galleria Cardelli e Fontana di Sarzana, da molti anni impegnata nella riscoperta dell’astrattismo geometrico in Italia, dagli anni coraggiosi della milanese Galleria Il Milione in poi, ha inaugurato il primo agosto una mostra imperniata sugli artisti che presero parte a Torino ed in Liguria al Movimento Arte Concreta. Le opere esposte sono tutte riferite al periodo di appartenenza di ciascun artista a quel Movimento. Del MAC torinese, costituitosi formalmente come Gruppo nel 1952 (i suoi aderenti erano già presenti alle esposizioni nazionali concretiste nel 1949-50) saranno visibili una decina di opere “storiche”, tra cui una grande tela del 1949 di Adriano Parisot (pilota n. 3), un'opera di Paola Levi Montalcini, di Filippo Scroppo forme ascendenti del 1951, opera presente in molte delle esposizioni del movimento concretista finora realizzate e paesaggio di Olga Carol Rama del 1951.
Nel 1952 si stabiliscono i primi rapporti diretti tra i genovesi Allosia e Mesciulam e il MAC milanese e, dal 1953, si evidenzia l’attiva partecipazione degli stessi, assieme a Fasce e più tardi a Bruna Pecciarini, Martino Oberto e Silvio Bisio, alle manifestazioni concretiste. Anche di questa compagine locale saranno esposte opere “storiche” come battaglia di topi del 1952 di Giuseppe Allosia.
Il Gruppo del Golfo (formatosi a Chiavari dal 1952) è in mostra con opere di tutti i suoi aderenti: Sturla, Rodolfo Costa, Ugolini e Frunzo, realizzate tra il 1952 ed il 1956, alcune delle quali già esposte nel 1954 alla Galleria B24 di Milano, luogo di particolare promozione degli artisti del MAC di quegli anni.

Ballabili miniati scarica catalogo





MAC Mesciulam
GIAN CAROZZI
6 giugno - 30 luglio 2014

"Tre anni fa vidi un paio di piccoli quadri che mi colpirono: erano astratti, o semi astratti, e non riuscivo a collocarli temporalmente. Mi piaceva la loro libertà, una sorta di svagatezza dietro cui però intuivo dei nodi irrisolti. Avrebbe potuto dipingerli l’anno prima un giovane pittore di Glasgow o di New York, pensai. In realtà, quelle tele risalivano alla metà degli anni '60: le aveva dipinte Gian Carozzi, un pittore spezzino che, dopo Milano e Parigi, trascorse gli ultimi trent’anni della sua vita a Sarzana."

La Cardelli e Fontana ha presentato "Gian Carozzi revisited", antologica dell'opera di Gian Carozzi (La Spezia, 1920 - Sarzana, 2008) pensata e progettata da Luca Bertolo (Milano, 1968), artista che da tempo si dedica all'indagine e alla sperimentazione sulle possibilità linguistiche della pratica pittorica.
Nata dalla frequentazione per vari mesi di seguito della casa/studio/archivio di Carozzi da parte di Bertolo, la mostra non si è prefissa di dar conto delle diverse fasi della produzione artistica di Carozzi, nè ha inteso seguire un criterio cronologico ma, nel progetto del curatore, voleva indagare la tenacia di Carozzi nel percorrere strade laterali, la sua svolta anti-avanguardistica, il rapporto parzialmente irrisolto coi grandi maestri moderni, l’ossessione per l’autoritratto.
Bertolo si chiede: cos’ha da dirci un cosiddetto artista minore? Cosa lascia, se lascia qualcosa, in eredità? A me che guardo un disegno di uno sconosciuto - un bellissimo disegno - quanto me ne importa, in quell’istante, di conoscere il ruolo giocato da quel disegno e/o da quell’artista nella storia dell’arte? Apprezzare opere e risistemare autori che non hanno trovato fin’ora un posto in quella Storia dell’arte, che appare più statica e oggettiva di quanto non sia, è difficile anche perché richiede fiducia nella propria capacità di giudizio; ma appunto per questo, in un momento come il nostro in cui il giudizio estetico è ai minimi storici di popolarità, un tale esercizio può risultare particolarmente interessante.

Ballabili miniati scarica catalogo      visita la mostra




Gian Carozzi
VETTOR PISANI
21 dicembre 2013 - 24 marzo 2014

Il museo MADRE di Napoli ospita la mostra Vettor Pisani. Eroica/Antieroica: una retrospettiva.
La mostra – a cura di Andrea Viliani ed Eugenio Viola e con la supervisione scientifica di Laura Cherubini – è la più completa ad oggi dedicata all’artista e raccoglie il più consistente gruppo di opere, sia storiche che recenti, mai riunito in una sua mostra, permettendo di ripercorrere l’intera produzione dell’artista, dalle installazioni site-specific ai disegni e ai collage, dai dipinti su tela e su pvc alle azioni performative, dalle immagini fotografiche e filmiche ai lavori a tecnica mista, con un essenziale corredo di materiali di documentazione.
A conclusione della mostra, nel 2014, il Madre produrrà un’importante pubblicazione monografica bilingue (italiano / inglese), edita da Electa, che includerà, tra l’altro, un esteso apparato critico, bio-bibliografico e iconografico comprendente immagini a colori e schede di approfondimento su tutti i nuclei di opere presentate, una serie di saggi inediti, un’estesa antologia di testi storici e dizionari-lemmari critici.

Una seconda mostra sarà presentata, dal 27 gennaio al 30 marzo 2014, al Teatro Margherita di Bari (città natale dell’artista). Concepita appositamente per gli spazi del Teatro Margherita e organizzata in collaborazione fra Fondazione Donnaregina, Napoli, e Comune di Bari, la mostra riunirà opere e documentazioni dagli anni ’70 alla produzione più recente.

www.madrenapoli.it




Vettor Pisani
RENATA BOERO
12 febbraio - 6 aprile 2014

Il Museo Diocesano di Milano ospita la mostra Renata Boero. Contaminazioni. Non si tratta di una semplice esposizione delle opere dell’artista, bensì del loro inserimento (“contaminazioni”) nel percorso permanente del Museo. Il tema è quello del dialogo tra l’antico e il moderno, tra linguaggi profondamente diversi che si confrontano alla ricerca di una possibile matrice comune, che affonda nella genesi spirituale dell’opera.

In occasione della mostra è stato realizzato un volume, edito dal Museo Diocesano, a cura di Paolo Biscottini, che sarà presentato in occasione del finissage, giovedi 3 aprile, alle ore 18. Il volume approfondisce i complessi temi proposti dal progetto e si avvale dei contributi di Arturo Carlo Quintavalle, Giuseppe Marcenaro, Maria Concetta Sala, Francesco Tedeschi, Elio Carmi e Mario Canepa. Fotografie di Giorgio Majno.

Museo Diocesano
Corso di Porta Ticinese, 45
Milano
www.museodiocesano.it




Renata Boero
SIMONE PELLEGRINI
18 febbraio - 15 marzo 2014

Lacruna è il titolo della personale di Simone Pellegrini, curata da Umberto Palestini all’interno del progetto Factory che l’Accademia Raffaello, in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Urbino, dedica agli artisti formati dall’istituzione urbinate e che hanno ricevuto particolari riconoscimenti artistici e critici. La mostra è stata allestita nella Bottega Giovanni Santi, all’interno della casa natale di Raffaello.
Per l’occasione è stato editato un catalogo che, oltre a riprodurre una cospicua selezione di opere principalmente realizzate nell’ultimo triennio, contiene interventi critici di Umberto Palestini, Walter Guadagnini, Adriana Polveroni, Alberto Zanchetta e alcuni pensieri di Simone Pellegrini.




Simone Pellegrini
FABRIZIO PREVEDELLO
14 dicembre 2013 - 15 febbraio 2014

Al Museo Civico del Marmo di Carrara, all'interno della mostra Apologia a cura di Federica Forti, gli artisti Fabrizio Prevedello, Greta Alfaro e Juan Pablo Macìa espongono le opere realizzate nell'ambito del programma di residenze d'artista di DATABASE 2013. Tre progetti differenti, accomunati da una riflessione sul rapporto tra uomo ed elemento naturale.

www.database-carrara.com




Fabrizio Prevedello
MIRCO MARCHELLI
28 settembre - 8 dicembre 2013

Ballabili miniati è la mostra, alla Cardelli e Fontana,  dedicata agli ultimi lavori di Mirco Marchelli. Si tratta della terza personale dell’artista ovadese ospitata dalla galleria; l’allestimento è composto da dieci opere, realizzate con i classici materiali di recupero cari all'artista - carta, tempera, cera, legno - che dialogheranno con dieci tecniche miste/collage su carta. Le opere sono costituite da un apparato materiale e da un apparato sonoro: vicino a ogni opera è infatti installata una postazione audio nella quale, tramite cuffie e un lettore, sarà possibile ascoltare la riproduzione di una composizione dello stesso Marchelli, eseguita al violoncello da Raffaele Ottonello. Le dieci composizioni sono riscritture contemporanee - ottenute per cancellazione della partitura – di altrettante sonate di Domenico Scarlatti. Nella piccola stanza ubicata in fondo alla sala grande della galleria, sarà proiettato in loop un video documentario di Francesco Leprino su Domenico Scarlatti. La mostra è accompagnata da una pubblicazione che raccoglie il racconto per immagini del percorso espositivo, un testo di Marco Vallora, critico d'arte e noto musicologo che da diverso tempo segue gli sviluppi della ricerca di Mirco Marchelli e da un CD con la registrazione delle dieci composizioni.

Ballabili miniati scarica catalogo

visita la mostra

Mirco Marchelli ascolta le composizioni

pagina opere Marchelli



Mirco Marchelli
MIRCO MARCHELLI
30 novembre 2013

In concomitanza con la mostra "Ballabili miniati”, una serata a Casa Fontana che ha voluto proporsi come un’ideale prosecuzione del dialogo tra musica e arti visive che sta alla base di quell’originale operazione creativa ed espositiva.  “In forma” ha visto alternarsi esempi musicali, interpretazioni al violoncello di alcuni dei “Ballabili miniati” ed esecuzioni pianistiche delle Sonate di Scarlatti cui sono correlati i pezzi di Marchelli, il tutto intercalato da un “racconto” leggero e imprevedibile che ha mostrato al pubblico insospettabili analogie e dialettici connubi, conducendolo attraverso un dialogo a distanza tra musica e arte, memorie e reminiscenze, confluenze e contrasti.
 
In forma. Conversazione di musica e arte
(tra Domenico Scarlatti e Mirco Marchelli)

Paolo Bolpagni, relatore
Raffaele Ottonello, violoncello
Stefania Nardi e Silvia Colosimo, pianoforte

Musiche di Domenico Scarlatti e Mirco Marchelli



Casa Fontana
SIMONE PELLEGRINI
16 ottobre -  24 novembre 2013

Alla Triennale di Milano sono in mostra, a cura di Gianluigi Colin, le 100 opere che sono state copertine di altrettanti numeri di "La lettura", supplemento culturale del Corriere della Sera, tra cui quella di Simone Pellegrini. La mostra, dal titolo "Cento. 2011>2013>copertine d'autore", sarà accompagnata da un catalogo edito da Skira e rimarrà aperta fino al 24 novembre.

Triennale di Milano
Viale Alemagna 6
www.triennale.it



Simone Pellegrini
SIMONE PELLEGRINI
30 maggio -  3 novembre 2013

55 Esposizione Internazionale d'Arte
Biennale di Venezia - Eventi collaterali

Simone Pellegrini è uno degli artisti invitati alla mostra Nell'acqua capisco, evento collaterale della Biennale di Venezia a cura di Claudio Libero Pisano.  
L’acqua è il tratto comune di tutte le opere in mostra, nel suo fragore c’è il tentativo di nascondere stati di disagio, nell’acqua ci si immerge per recuperare tutto ciò che è fuori da essa. Ma l’acqua è anche un elemento di condivisione, in essa c’è la possibilità di riconversione di un bene comune nei suoi aspetti più produttivi. Tutto questo è raccontato attraverso opere di artisti che con l’acqua hanno saputo creare un dialogo, mai scontato, a volte gioioso spesso doloroso ma sempre riflessivo.

Ateneo Veneto, San Marco 1897 (Campo San Fantin)
Procuratie Vecchie, Piazza S. Marco 153/A

Organizzazione: CIAC; The Hart Foundation, Lugano
www.the-hart-foundation.org



Simone Pellegrini
FABRIZIO PREVEDELLO
13 agosto 2013

Quest'anno Fabrizio Prevedello è stato invitato al GuilmiArtProject, la residenza per artisti che si svolge in Abruzzo, a Guilmi in provincia di Chieti.
Insieme a lui il critico e curatore Pietro Gaglianò, esperto di didattica popolare che ha coinvolto il  pubblico in tre incontri serali.
Prevedello a fine residenza ha presentato un intervento/installazione temporanea incentrato sul concetto di corruttibilità che rimarrà visibile fino al suo deterioramento per mezzo degli agenti atmosferici.

articolo su Glamour di Anna Cecilia Russo




Cardelli & Fontana artecontemporanea - Fabrizio Prevedello
MIRKO BARICCHI
18 luglio 2013

Boston-Como: uno scambio culturale tra le due città che coinvolge 34 artisti (tra cui Mirko Baricchi), metà americani e metà italiani in un viaggio di andata e ritorno. Sedi pubbliche e spazi privati di entrambe le città ospitano una mostra itinerante che guiderà il pubblico attraverso le strade di Como nel 2013 (18 luglio - 18 agosto) e di Boston nel 2014, esplorando quali sono i veri punti di forza e di omogeneità della cultura occidetale, ovvero del blocco costituito dagli USA e dall'Europa.
A cura di James Hull e Carolina Lio

www.boston-como.com



Cardelli & Fontana artecontemporanea - Mirko Baricchi
APERITIVO IN GALLERIA
10 maggio 2013

La Cardelli e Fontana ha il piacere di ospitare Aperitivo in galleria, presentazione della mostra ospitata alla Fortezza Firmafede di Sarzana "La musica lascia il segno". La mostra, a cura di Jacopo Simoncini e Maurizio Arena, è organizzata dall'Accademia Musicale A. Bianchi all'interno del XIII Festival Musica e Suoni che si tiene a Sarzana dal 6 al 12 maggio 2013. La presentazione in galleria sarà seguita dal concerto di Daniele Dell'Amico, chitarra, e Giovanni Giovannoni, fisarmonica, musiche di H. Villa-Lobos e C. Machado.

ascolta

www.accademiabianchi.it



Cardelli & Fontana artecontemporanea - concerti
MIRKO BARICCHI
23 marzo 2013

La Cardelli e Fontana ha presentato making of "Germogli. e di stelle" il video di Paolo Ranieri che documenta step by step tutte le fasi che hanno portato Baricchi dalla prima intuizione all'allestimento della mostra "Germogli. e di stelle". Dinamiche e complicanze durante e appena prima l’organizzazione di una mostra personale.

Con Mirko Baricchi, Massimo Biava, Elena Forin
Regia, riprese e montaggio: Paolo Ranieri
Suoni e musiche: Stefano Tedesco  

video



Mirko Baricchi
SIMONE PELLEGRINI
6 aprile - 2 giugno 2013

Sabato 6 aprile, al MAC, Museo d'Arte Contemporanea di Lissone, inaugura Magnitudo, la bi-personale di Simone Pellegrini e Andrea Salvatori. Nella mostra, a cura di Alberto Zanchetta, le opere di Pellegrini e Salvatori sembrano darsi appuntamento, come fossero sopravvissute a un terremoto e ne fossero diretta testimonianza. In Pellegrini i corrugamenti della carta ricordano lo stadio primevo dell'esistenza: smottamenti tellurici ed emersioni in cui le forme e la vita si assestano. L'idea di una terra smossa e scossa ricorre anche in Andrea Salvatori, le sue sculture (non a caso modellate in argilla) sembrano essere state dissotterrate a seguito di un sisma.

Per informazioni:
http://www.comune.lissone.mb.it

 

Simone Pellegrini
L'ARTE DI VIVERE BENE
16 marzo 2013

La Cardelli e Fontana in tempi così difficili e stressanti ha deciso di fare un piccolo passo nella direzione opposta offrendo, nei suoi spazi, una lezione di Hatha yoga ai propri collezionisti.
Visto il successo ottenuto non escludiamo che l'appuntamento si possa ripetere.



Cardelli & Fontana
MIRKO BARICCHI
dicembre 2012 - marzo 2013

La Cardelli e Fontana è lieta di presentarvi Germogli. e di stelle, la personale dedicata alla ricerca recente di Mirko Baricchi.
La mostra, appositamente pensata per lo spazio della galleria, rappresenta un momento particolarmente significativo all’interno del percorso sviluppato dall’artista. In seguito a un profondo lavoro di analisi e di revisione complessiva della propria opera, Baricchi ha infatti intrapreso un nuovo cammino all’interno delle tematiche e delle forme visive che da sempre interessano il suo fare, e che lo hanno portato a una sintesi sempre più compiuta tra lo spazio della pittura e quello del tempo.

La mostra è accompagnata da una pubblicazione che raccoglie il racconto per immagini del percorso espositivo, un testo di Elena Forin, e un dialogo tra l’artista e il curatore.

visita la mostra



Mirko Baricchi
MIRCO MARCHELLI
8 febbraio - 8 aprile 2013

A Palazzo Fortuny la mostra Fortuny e Wagner. Il wagnerismo nelle arti visive in Italia, con cui la Fondazione Musei Civici di Venezia ha inteso rendere omaggio al grande compositore tedesco nell’anno del bicentenario della nascita, si arricchisce del contributo dell’artista italiano contemporaneo Mirco Marchelli. La mostra di Marchelli si sviluppa principalmente al terzo piano di Palazzo Pesaro degli Orfei dove l’artista propone un’installazione musicale inedita in omaggio a Wagner e Fortuny intitolata Nuvole basse. Lungo il percorso che conduce all’ultimo piano invece, accanto alle opere di Fortuny, ai suoi velluti, ai cartoni del Ciclo Wagneriano e alle altre opere della mostra Fortuny e Wagner “timidamente” si affacciano piccoli manufatti in tela e cera, sgabelli con misteriosi pacchi legati con lo spago, sottili ceramiche a completamento dell’indagine della mostra sulle influenze del wagnerismo, in cui tutte le forme artistiche, musica in primis, sembrano concorrere a quello stesso obiettivo rappresentato dall’opera d’arte totale.

comunicato stampa

Palazzo Fortuny
San Marco 3958
30124 Venezia

sito Palazzo Fortuny



Fabrizio Prevedello
FABRIZIO PREVEDELLO
27 gennaio - 17 febbraio 2013

Fabrizio Prevedello partecipa con Luca Bertolo, Chiara Camoni e Alessandra Andrini alla quinta mostra di Casabianca. I quattro artisti si misurano con l’idea di autoritratto: un genere o luogo artistico che obbliga come nessun altro a confrontarsi con imbarazzi, egotismo, paure, ipocrisia, piacere, strabismo, mimesi, rigetto, madri e padri. Ma anche a confrontarsi da vicino con il punto di osservazione del proprio fare artistico.

Casabianca
Zola Predosa (Bologna), via Pepoli 12
su appuntamento 347 2627442

sito Casabianca



Fabrizio Prevedello
SIMONE PELLEGRINI
gennaio 2013

L'ente Bologna Fiere ha acquistato dalla nostra galleria durante ArteFiera l'opera di Simone Pellegrini "Teoria dei rivelati". L'opera, grazie al fondo istituito dal presidente di Bologna Fiere, entrerà a far parte della collezione dell'ente.



Simone Pellegrini

SIMONE PELLEGRINI
ottobre 2012

All'interno del progetto "Focus on Contemporary Italian Art", piattaforma di sostegno ad artisti italiani delle ultime generazioni, l'UniCredit Group ha acquisito un'opera di Simone Pellegrini per il Museo d'Arte Moderna di Bologna, MAMbo. L'opera sarà visibile all'interno del percorso espositivo del museo da martedì 16 ottobre 2012.

www.mambo-bologna.org/collezione/focus




Simone Pellegrini
   

 

CARDELLI e FONTANA · via Torrione Stella Nord 5 · 19038 SARZANA (SP) T/F 0187.626374 - P. IVA 01045880117 - galleria@cardelliefontana.com ©1998-2014