Cardelli & Fontana



Vettor Pisani, architetto, pittore e commediografo, nasce a Bari nel 1935.
Nel 1970 si trasferisce a Roma, dove tiene la sua prima mostra personale presso la Galleria La Salita dal titolo "Maschile, femminile e androgino. Incesto e cannibalismo in Marcel Duchamp". 
La dottrina dei Rosacroce, i riti alchemici e le filosofie esoteriche sono alcuni dei riferimenti contenuti nei lavori esposti, incentrati sul mistero della Sfinge, sul mito di Edipo e sulla figura di Duchamp.
Tra i lavori esposti citiamo Suzanne in uno stampo di cioccolato, una testa muliebre di cioccolato sulla quale pende un peso per esercizi ginnici, e Carne umana macinata, carne macinata avvolta in plastica trasparente che, nel corso della mostra, imputridisce. Sempre nel 1970 ottiene il Premio Pino Pascali attribuito dalla Galleria Nazionale d'Arte Moderna. Agli inizi degli anni Settanta si dedica all'arte teatrale, realizzando alcune scenografie. In queste prove è evidente che il teatro è per lui luogo iniziatico e metafora, dove convergono archetipi dell'immaginario collettivo, rimandi simbolici e mitologici.
Nel 1972 viene invitato a "Documenta 5" di Kassel ed esponeLo scorrevole.
Nel dicembre 1975 realizza alla Galleria Sperone di Roma l'azione Il coniglio non ama Joseph Beuys, replicata a Bologna nel 1977, che propone una riflessione critica sulla poetica dell'artista tedesco.
Nel 1976 presenta alla Biennale di Venezia, alla quale partecipa per la prima volta, l'opera Theatrum, anticipatrice di una ricerca che si protrarrà lungo tutto il corso della sua carriera artistica. La sua attività, ricca di riferimenti alla tradizione della storia dell'arte e della cultura, è caratterizzata da richiami all'esoterismo, alla simbologia dei Rosacroce e della Massoneria, mantenendo sempre una forma di teatro comico-didattico.
Tra i momenti in cui il ciclo di lavori si esplica si ricordano Il Teatro di Edipo, il Teatro della Vergine, l'Isola Azzurra, Il Teatro della Sfinge, Il Teatro di Cristallo.
L'attenzione dell'artista si è spesso concentrata sui riferimenti simbolici presenti nel mito di Edipo: l'enigma della Sfinge è metafora del labirinto; l'accecamento di Edipo per aver troppo visto, per aver realizzato l'aspirazione dell'inconscio collettivo al regressum in utero, è il passaggio dalla luce alle tenebre e viceversa; la Sfinge stessa allude alla madre, infatti da Gea nasce Echidna e da questa la Sfinge, terribile animale derivato dalla madre. Il tema del regressum in utero ci conduce ancora al tema del labirinto.
L'artista vede nel labirinto un analogo del reale, secondo una cultura ermetica ed esoterica che appartiene ai tre artisti ai quali dedica la propria opera - Duchamp, Klein, Beuys - che formano con lui un sistema basato sull'ermetico numero quattro.
Il suo metodo consiste nell'appropriarsi di elementi desunti da altri artisti e dalla storia dell'arte, reinventandoli: crea mediante la citazione, mettendo sotto analisi non il mondo, ma il linguaggio.
Formalmente la sua ricerca si articola come installazione e performance, intervento nello spazio e nel tempo reali.
Oltre alla Biennale di Venezia del 1972, Pisani partecipa alle Biennali del 1976, 1978, 1984, 1986, 1990, 1993 e 1995, alle Quadriennali di Roma del 1973, 1986 e 1992 e a mostre come Avanguardia/Transavanguardia a Roma e Italian Art Now: an american Perspective al Guggenheim Museum di New York nel 1982; Arte Italiana 1960-1982 alla Hayward Gallery di Londra nel 1982, Terrae Motus e Terrae Motus 2 a Villa Campolieto ad Ercolano nel 1986 e al Grand Palais di Parigi nel 1987; Beuys zu Ehren, Stadtische Galerie in Lenbachhaus, Monaco, 1986; Mythos Italien, Bayerische Staatsgemaeldesammlungen di Monaco, 1988.
Nel 1982 il Museum Folkwang di Essen ha dedicato all'artista una mostra antologica, seguita da quelle organizzate nel 1990 a Valencia e dalla Galleria Civica d'Arte Contemporanea di Trento nel 1992.
Nel 1997 è presente alla mostra Pittura italiana da Collezioni Italiane presso il Castello di Rivoli. Partecipa a Minimalia. Da Giacomo Balla a … (1997 - 2000, Venezia, Palazzo Querini Dubois; Roma, Palazzo delle Esposizioni; New York, P.S.1) a cura di Achille Bonito Oliva.
Nel 2005 partecipa con tre opere alla mostra Il Bello e le bestie - Metamorfosi, artifici e ibridi dal mito all'immaginario scientifico presso il MART di Rovereto a cura di Lea Vergine e Giorgio Verzotti.
Nel 2007 con L'Isola interiore. Isolamenti e Follia, a cura di Achille Bonito Oliva, partecipa come evento collaterale alla Biennale di Venezia.
Nel 2009 partecipa con l'opera "Concerto invisibile di Gino De Dominicis" alla mostra di apertura della Fondazione Galleria Civica di Trento e con "Venere di Cioccolato" alla mostra Inganni ad arte. Meraviglie del trompe l'oeil dall'antichità al contemporaneo a Palazzo Strozzi di Firenze.
Muore a Roma nell'agosto 2011.
Nel 2012 il MACRO di Roma gli dedica un omaggio riproponendo alcuni dei lavori che lo imposero all’attenzione internazionale tra il 1970 e il 1980.
Nel 2013 al museo MADRE di Napoli la prima ampia retrospettiva sul suo lavoro dal titolo EROICA / ANTIEROICA: una retrospettiva.

  

Mostre

1970
Maschile, femminile e androgino. Incesto e cannibalismo in Marcel Duchamp, Galleria La Salita, Roma
Vincitore Premio Nazionale Pino Pascali, Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Roma

1971
Plagio. Vettor Pisani, Michelangelo Pistoletto, Kunstverein, Francoforte - Galleria Sperone, Torino
Suonata a cinque dita per Meret Oppenheim, (con M. Pistoletto), Galleria La Salita, Roma

1972
Documenta 5, Kassel
Biennale di Venezia
Plagio. Vettor Pisani, Michelangelo Pistoletto, Galleria Marlborough, Roma

1973
Plagio. Vettor Pisani, Michelangelo Pistoletto, Galleria Marlborough, Roma
L'eroe da camera, Galleria L'Attico, Roma
Quadriennale di Roma
Biennale di Parigi
Italy two. Art around ’70, Museum of the Philadelphia Civic Center, Philadelphia

1975
Il coniglio non ama Joseph Beuys, Galleria Sperone, Roma
Rencontre internationale ouverte de vidéo, Espace Pierre Cardin, Parigi
Vettor Pisani - Michelangelo Pistoletto. Incontro di due opere, Palazzo Taverna, Roma
Allestimento di lavori, Galleria L'Attico, Roma

1976
Biennale di Venezia
M.Duchamp.Dati: 1-La caduta d’acqua. 2-Il gas d’illuminazione. (1946-’66), Galleria La Salita, Roma

1977
Settimana Internazionale della Performance, Galleria Arte Moderna, Bologna.
Arte in Italia 1960-1977, GAM, Torino
Art corporel, Galerie Isy Brachot, Bruxelles

1978
Biennale di Venezia

1979
XV Biennale, San Paolo del Brasile

1980
Arte e critica 1980, Galleria Nazionale, Roma
Through the looking glass, Palazzo delle Esposizioni, Roma.

1981
Linee della ricerca artistica in Italia 1960-1980, Palazzo delle Esposizioni, Roma.
In labirinto. Luoghi del silenzio imparziale, Palazzo della Permanente, Milano

1982
Avanguardia/Transavanguardia 68-77, Roma
Italian Art Now: an american Perspective, Guggenheim Museum, New York
Arte Italiana 1960-1982, Hayward Gallery, Londra
Vettor Pisani. R. C. Theatrum - Teatro di Artisti e Animali,Museum Folkwang, Essen

1983
Nell’Arte. Artisti italiani e francesi a Villa Medici, Accademia di Francia, Roma.

1984
Biennale di Venezia
Der Traum des Orpheus: Mythologie in der italienischen Gegenwartskunst, 1967-1984, Stadtische Galerie in Lenbachhaus, Monaco.

1985
Nouvelle Biennale de Paris, Parigi
L’Italie aujourd’hui: Regards sur la peinture italienne da 1970 à 1985, Centre national d'Art contemporaine, Villa Arson, Nizza

1986
Biennale di Venezia
Quadriennale di Roma
Terrae Motus, Villa Campolieto, Ercolano (NA)
Beuys zu Ehren, Stadtische Galerie in Lenbachhaus, Monaco

1987
Terrae Motus 2, Grand Palais, Parigi
Emerging Artists 1978-1986: Selections from the Exxon Series, Guggenheim Museum, New York

1988
Mythos Italien, Bayerische Staatsgemaeldesammlungen, Monaco,.
Arte italiana del dopoguerra dai musei Guggenheim, Palazzo Ducale, Mantova

1989
Open mind, Museum van Hedendaagse Kunst, Gent
Orientamenti dell’arte italiana: Roma 1947-1989, Casa Centrale degli Artisti, Mosca; Sala Centrale delle Esposizioni, Leningrado

1990
Biennale di Venezia
Vettor Pisani, Sala Parpallo, Valencia

1992
Quadriennale di Roma
Vettor Pisani. Il Teatro di Cristallo, alleria Civica d'Arte Contemporanea di Trento

1995
Biennale di Venezia

1997
Pittura italiana da Collezioni Italiane, Castello di Rivoli, Torino
Minimalia. Da Giacomo Balla a …, Venezia, Palazzo Querini Dubois; Roma, Palazzo delle Esposizioni, (1997 - 2000)

2000
Minimalia. An Italian Vision in 20th Century Art, P.S.1, New York

2005
Il Bello e le bestie - Metamorfosi, artifici e ibridi dal mito all'immaginario scientifico, MART, Rovereto.
Nostalgia: volo di ritorno, Torre di Guevara, Ischia

2007
L'Isola Interiore. Isolamenti e follia, Biennale di Venezia – Eventi collaterali, a cura di Achille Bonito Oliva
German Love Sinfonietta, Cardelli & Fontana, Sarzana

2008
Vettor Pisani - Tre critici in barca, Galleria Pio Monti, Roma
Camere #5, RAM - Radio Arte Mobile, Roma
Vettor Pisani - Animanimale, PH7 art gallery, Roma

2009
Celebration / Institution / Critique, Fondazione Galleria Civica-Centro di Ricerca sulla Contemporaneità, Trento
Meraviglie del trompe l’oeil dall’antichità al contemporaneo, Palazzo Strozzi, Firenze
A Bartolo, Chiostro del Bramante, Roma
Dentro Roma/1 - Mitografie, Museo Carlo Bilotti, Roma
Invito all'opera, Il Ponte contemporanea, Roma

2010
Le Pleiadi, Galleria Horti Lamiani Bettivò, Roma
La fidanzata di Gino Vampirelli, Virginia Blumenthal Art, Roma
Io Sono il Pupazzo di Paracelso, Galleria Studio Vigato, Bergamo
Hertz Ist Ein Dunkler Abgrund, Gallerie Mario Iannelli, Berlino, Germania

2011
Carpe Diem, Limen Otto9Cinque, Roma
Apocalipse Now, Fondazione Morra Palazzo Bagnara, Napoli
Teatrum Mundi, Galleria Studio Vigato, Milano

2012
Omaggio a Vettor Pisani, Macro, Museo di Arte Contemporanea, Roma
Ritratto di una Città: arte a Roma 1960 – 2001, Macro, Roma
Politici e Animali
, Galleria Hofficina d’Arte, Roma
Labirinti, Palazzo Collicola, Spoleto
Costellazione, Cardelli e Fontana, Sarzana
Doppio Ludico, Galleria Nuova Pesa ROMA
German Love Sinfonietta, Galleria Pio Monti Arte Contemporanea
Pittore Glorioso Omaggio a De Chirico, Ulysse Gallery, Roma
Amici per la Pelle, Galleria Bluorg, Bari
Looking Back Towords the present, Il Frantoio; Capalbio
Pasto Sacro, Galleria il Museo del Louvre, Roma
20 X Ettore Majorana, Palazzo Manganelli, Catania
Spiritualità e Materia, Ex Fornace, Deruta
Il Labirinto del Fauno, Masseria il Brigantino, Brindisi

2013
EROICA/ANTIEROICA: una retrospettiva, Museo MADRE, Napoli
Gli anni settanta. Arte a Roma, Palazzo delle Esposizioni, Roma


Condividi  

 

CARDELLI e FONTANA · via Torrione Stella Nord 5 · 19038 SARZANA (SP) T/F 0187.626374 galleria@cardelliefontana.com ©1998-2014