Fabrizio Prevedello - Rendere parole alle parole - Cardelli e Fontana arte contemporanea

Vai ai contenuti
Fabrizio Prevedello
Fabrizio Prevedello
Rendere parole alle parole

Sarzana
30 agosto - 9 ottobre 2010

 
Questa non è esattamente una mostra, e nemmeno un progetto del tutto definito su di un tavolo da lavoro, torniato da libri e papiri. E' (solo) un gesto. Nelle due sale della Galleria, un incomprensibile e subitaneo senso di montagna soggiace all'occhio e all'orecchio. Ogni cosa è rarefatta e, come la luce e l'aria delle creste rocciose, si concentra, d'improvviso, per colpirti. Tre video, rendono il gesto cui Fabrizio Prevedello (Padova, 1972) si è sottoposto. Guardateli e ascoltateli con gli occhi e con il cuore. E' un ricambio, una   sopravvivenza volontaria. Egli ha restituito alla montagna qualcosa che le era appartenuto, che, come materia prima, prelevammo e che, come in ogni relazione dignitosa, merita un ritorno, un gesto mai   scontato di riappacificazione e riequilibrio. Nel resto della Galleria incontrerete altri gesti, un bivacco. Questi sono sempre i risultati dell'uomo che, nel mentre, avrete visto scavare nei video la pietra. E sono come i crepacci, le alture inattese, le vedute inimmaginabili, e i lazzi del vento che la montagna offre senza che noi li chiediamo. Di tutto questo si tratta: parole alle parole. Piccola narrazione di un debito in via di definizione.

Torna ai contenuti